Full Iceland: Ring Road + WestFjords + Snaefelness

Full Iceland!  Giro completo dell’isola + Westfjords + Snaefellness!

Tutto il meglio dell’Islanda!   Il Golden Circle,  la costa del Sud inclusa la Jokulsarlon,  il fantastico nord con il Lago Myvatn e un giro in barca nella Baia di Skjalfandi per ammirare le balene.   E poi ancora i fiordi del Nord-Ovest,  l’ultima frontiera dell’Islanda dura e pura,  lontana dal turismo di massa.

Il tutto da vivere in PICCOLI GRUPPI,   al massimo 12 partecipanti.   E con tutti i pernotti in strutture comode ed accoglienti (in camera doppia con servizi privati)  ma allo stesso tempo senza ricorrere a grandi Hotel ma alloggiando presso strutture familiari per entrare meglio in contatto con questo grande popolo.

 

Scopri il programma

Giorno 1:  26/06   Partenza con volo Lufthansa da Bologna alle ore 19.10 con scalo a Francoforte. Arrivo all’aeroporto internazionale di Keflavik alle 23.30. Disbrigo formalità, ritiro veicolo e trasferimento breve in Hotel.

Giorno 2:   27/06   Primo giorno in Islanda dedicato al Golden Circle: prima tappa Pingvellir, sede del primo parlamento Islandese e sito di interesse geologico perché è qui che le placche europee e nordamericane si incontrano.  Proseguiamo quindi per Geysir, dove uno sbuffo di acqua e vapore si innalza ogni 5-6 minuti, e Gullfoss, la cascata dorata. Le meraviglie non finiscono qui… dopo aver raggiunto il nostro Hotel e cenato faremo una escursione sotto il sole di mezzanotte per goderci il tramonto dietro il fronte di una cascata.

Giorno 3:  28/06   Andiamo alla scoperta dell’interno! La strada passa sotto il potente vulcano Hekla e si inoltra su campi di lava e valli solitarie fino a raggiungere le colline colorate del Landmannalaugar dove ci attende un bellissimo trekking! E per finire un bagno in un laghetto formato da una sorgente calda. Esperienza molto islandese!  Rientro in Hotel

Giorno 4:   29/06    Giornata dedicata alla costa Sud:  prima Skogafoss, una delle cascate più fotografate d’Islanda, poi il promontorio di Cap Dyrholaey, spettacolare scogliera da cui ammirare le spiagge nere e i pulcinella di mare.   Poco distante, il villaggio di pescatori di Vik e l’altra spiaggia nera.  Oltrepassato Vik il paesaggio di fa arido e spoglio, sebbene in giugno/luglio possa improvvisamente colorarsi di viola grazie alla fioritura dei lupini, un vero e proprio incanto!  Passiamo anche Kirkjubaejarklaustur, uno scioglilingua più che un paese, dove c’è poco da fotografare a parte il cartello con il nome assurdo. Ma ormai si intravede il maestoso Vatnajokull, 8.000 kmq di ghiaccio il cui spessore arriva a 900 metri.  Ci fermiamo nel parco naturale dello Skaftafell;  possiamo guardare da vicino l’imponente lingua di ghiaccio di Svinafell e,  per chi vorrà, sarà possibile un piccolo trekking (circa 30/40 minuti) per raggiungere Svartifoss, piccola cascata caratterizzata da colonne di basalto. Proseguiamo lungo la costa fino al nostro alloggio. In base alle condizioni meteo valuteremo se anticipare la visita alla Jokullsarlon.

Giorno 5:  30/06                  Una delle attrazioni più note del sud è la Jokulsarlon, la laguna ghiacciata. Ne visiteremo anche una seconda, più piccola ma altrettanto bella e con il vantaggio di poter vedere da vicino il fronte del ghiaccio.  Non lontano c’è “Diamond beach” la spiaggia nera su cui giacciono i pezzi di ghiaccio usciti in mare dalla laguna e che le onde trasportano in spiaggia.    Riprendiamo il cammino verso est, con una sosta a Djupivogur, paese di tanti pescatori e di un artista bizzarro che ha riprodotto in pietra le uova degli uccelli marini islandesi.  Dopo una fetta di torta in una delle pasticcerie più buone d’islanda riprendiamo la via su e giù per i fiordi fino a Seydisfjordur

Giorno 6: 01/07  Verso il grande nord!  Attraversiamo l’altopiano di Modrudalur, il posto più freddo dell’isola. Qui l’eruzione devastante del vulcano Askjia nel 1875 fa ancora vedere i suoi effetti: tutto è ricoperto di cenere grigia, dando un aspetto lunare all’area.  Una breve deviazione ci porta verso il complesso di 5 cascate che creano il canyon di Asbyrgi; la più note è sicuramente Dettifoss, imponente, rumorosa, è la cascata con la maggior portata di acqua d’Europa.  Tornati sulla strada principale, arriviamo al Lago Myvatn. Visita di alcune delle attrazioni del Lago e pernotto in zona.

Giorno 7:  02/07 Giornata interamente dedicata all’esplorazione del Lago Myvatn.   Piccola passeggiata verso il Vulcano Krafla, verso le solfatare del Namafjall, visita alla grotta di Griotagjia e nel pomeriggio relax in un bel centro termale.

Opzione alternativa:  partecipare ad un TOUR con bus 4X4  fino alla caldera del Vulcano Askjia (tutta la giornata)

Giorno 8:  03/07 Lasciamo il Myvatn per Husavik:  un tempo borgo di pescatori, è diventata la capitale del whale watching grazie alla baia in cui le megattere e altri cetacei stazionano regolarmente.  Una uscita in barca di 3 ore è una esperienza indimenticabile!!  Nel primo pomeriggio trasferimento verso Akureyri, la capitale del Nord.  Lungo la via non ci lasceremo sfuggire Godafoss, la cascata degli dei.   Akureyri è una piccola cittadina, in realtà l’unica dell’Islanda oltre a Reykjavik,  con i suoi 20.000 abitanti.  Avremo tempo per un piccolo giro in centro, una sosta al Blaa Kaffee e in serata un’ottima cena in un ristorante tipico.

Giorno 9:  04/07 Lunga giornata di trasferimento verso gli splendidi fiordi del Nord ovest; i primi km scorrono veloci in un’area rurale e molto verde. Sosta a Hvammstangi per visitare una manifattura dedita alla produzione di capi in lana islandese (coperte, maglioni, cappelli…) e per una visita al museo che ricorda come una volta la sopravvivenza locale dipendeva dalla caccia alle foche;  ad oggi il museo è gestito da giovani ricercatori impegnati nella salvaguardia di questa specie.  Ancora qualche ora ed arriviamo a Isafjordur, principale centro abitato dei fiordi.

Giorno 10:   05/07  Oggi godiamo i frutti della lunga corsa del giorno precedente!  Ci attende un bellissimo percorso ricco di splendidi scorci sul mare, una cascata di rara bellezza (Dynjiandi), una sorgente bollente in cui immergerci e…..una sorpresa finale per la serata:  dopo cena infatti raggiungeremo la scogliera del Latrabjarg per un tramonto che resterà impresso nella mente.  La scogliera del Latrabjarg  (il punto più a ovest di tutta Europa) è una scogliera lunga 12 km e alta fino a 440 metri,  a picco sull’oceano.  Abitata da migliaia di uccelli, avremo la possibilità di avvicinare i Puffin (pulcinella di mare). Scomoda da raggiungere, questo luogo è ancora sconosciuto al turismo di massa ma è un luogo di grande importanza e tradizione per i locali che, muniti solo di rudimentali corde, si calavano giu per la scogliera a raccogliere le uova.

Giorno 11:  06/07   E’ ora di ripartire…in mattinata visitiamo la splendida Raudisandur (“spiaggia rossa”), poi percorriamo la tortuosa strada costiera fino alla connessione con la strada che conduce sulla penisola dello Snaefellnes. Visita a Stikkisholmur, borgo marinaro fondato dai danesi che gode di un porto naturale protetto da una barriera di basalto veramente impressionante.  Successivamente facciamo tappa a Grundafjordur, la cui montagna che domina il golfo, chiamata Kirkjufell, è una delle immagini simbolo dell’Islanda.  Pernotto in zona.

Giorno 12: 07/07   Ultimo giorno a spasso per l’isola.  Si percorre la costa sud della penisola dello Snaefellnes,  proprio sotto le pendici dell’omonimo vulcano Snaefell.  E’ qui che Jules Verne immaginava ci fosse l’entrata per il suo fantastico “Viaggio al centro della Terra”.  Il suo cono perfetto, la cui sommità è ricoperta perennemente di neve, è ben visibile dai fiordi del nordovest fino a Reykjavik nelle giornate limpide.  Sulla via del rientro, visita alla formazione basaltica Gerdubreid, una vera e propria muraglia di basalto in un campo lavico.   Ultimi km verso la capitale, attraversiamo il fiordo di Akranes tramite un tunnel sottomarino e arriviamo a Reykjavik.

Giorno 13:     08/07           In mattinata visita della Capitale.  Nel pomeriggio ci dirigiamo verso la Penisola di Reykjanes per osservare la nuova lingua di lava che si è creata a partire da Marzo 2020.  Su richiesta (e su prenotazione) è possibile entrare a fare il bagno presso la famosa Blue Lagoon  o in qualche altra location simile.  In serata cena tipica in zona Keflavik e – dopo cena – trasferimento in aeroporto.

Giorno 14:    09/07        Partenza del volo ore  00.10;   Arrivo a Bologna ore  8.55 (scalo veloce  a Vienna)

 

 

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:                                                         3.360,00 euro / persona   (in camera doppia)

VOLO INCLUSO DA BOLOGNA*

*tasse escluse da calcolare al momento della prenotazione

POSSIBILI ALTRE PARTENZE DA TUTTI GLI AEROPORTI ITALIANI, CONTATTACI PER INFORMAZIONI

La quota di partecipazione INCLUDE:

  • 12 pernotti in HOTEL, in camera doppia con BAGNO PRIVATO
  • 12 colazioni
  • Veicolo 9-14 posti, autista, gasolio, pedaggi
  • Volo Lufthansa/Austrian Airlines da Bologna
  • Bagaglio in stiva
  • Assicurazione medico/bagaglio base

Supplementi:

  • Camera Singola: 990,00 euro

La quota NON INCLUDE

  • Pasti
  • Ticket per il Whale Watching
  • Tutto quello non specificato nella voce “la quota include)